Veni Creator Spiritus

Riflettiamo sulla prima strofa del Veni Creator Spiritus

Veni, creator Spiritus,
mentes tuorum visita,
imple superna gratia,
quae tu creasti pectora.
Vieni, o Spirito creatore,
visita le nostre menti,
riempi della tua grazia
i cuori che hai creato.
la prima strofa dell’inno

Soprattutto durante la novena di pentecoste è importante riflettere sul senso di questa preghiera, che riflette l’esperienza millenaria della chiesa

L’inno inizia con una invocazione allo Spirito Santo “Creatore”, a cui la Chiesa chiede in prima istanza di “visitare” le “menti” di coloro che gli appartengono: lo spirito è quindi innanzitutto invocando lo Spirito Santo e qualificandolo per ciò che Lui è, cioè CREATORE.

Si attesta poi un altro “fatto”, cioè che gli “apparteniamo”: in questo contesto di verità teologiche, gli si chiede “invocandolo”, cioè chiamandolo “per nome”, di “visitare” le nostre “menti” ed in generale le “menti” di tutti coloro che gli appartengono

Chi ci convincerà infatti “di peccato”? Lo Spirito Santo!
Chi guiderà i nostri pensieri verso vie di santità? Lo Spirito Santo!

Nella nostra “mente” c’è la sede delle nostre decisioni: è quel misterioso luogo in cui anima e corpo coabitano, e la prima influenza il secondo, con tutti i suoi limiti, anche e soprattutto biologici (psicologici, psichiatrici, e non solo)

Continuiamo con “imple superna gratia, quae tu creasti, pectora”, la cui traduzione italiana comune è “riempi della tua grazia i cuori che hai creato”: in questo caso ci si lascia alle spalle quel “superna”, che è un delizioso quanto vero “complimento” che l’uomo fa alla natura della “grazia” che promana dal suo Creatore, la quale grazia è appunto “superna”
Quindi il significato “letterale” del termine “superno”, che in un contesto ordinario significa appunto “posto al di sopra” o anche “che galleggia” diventa per eccellenza “celeste”, “divino”, tipico cioè di una grazia di “dimensione” tale che non può scaturire da creatura umana, un qualcosa che “sovrasta le nostre vie come il cielo sovrasta la terra”.
Ecco quindi, in conclusione, che nella fine del primo versetto si finisce per chiedere allo Spirito Santo che “riempa di una grazia alta”, di quelle che “vengono dal cielo”, i “cuori” che Lui stesso ha creato! I cuori … in questo caso, non le menti, che poco prima gli si chiedeva invece di “visitare”
Si tratta di piccoli particolari, di sfumature se vogliamo, che però fanno intuire la profondità e la ricchezza del magistero della Chiesa … ricordiamoci che il Rinnovamento Carismatico Cattolico è nato altresì con la recita di questa preghiera … che la chiesa ancora recita solennemente in tutte le occasioni in cui deve prendere decisioni important, ad esempio prima di un conclave.

1 Giugno 2022
Ave Maria!
Marco

https://it.wikipedia.org/wiki/Veni_Creator_Spiritus

 Save as Image
 Save as PDF

Pubblicato da

Marco Piagentini

Informatico dal 1981, Telematico dal 1988, Sistemista IT dal 1994 ed OT dal 2005, Strumentista dal 2005. DJ dal 1986, Fotografo dal 1994, Reporter della Gospa dal 2001 Runner dal 1979, Nuotatore dal 1980, Triatleta dal 2007, Quadratleta dal 2019

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: